Bonus pellet in arrivo il prossimo anno? | Leggi bene arriva un nuovo taglio

Una buona notizia per tutti coloro che utilizzano il pellet: andiamo a scoprire insieme tutte le notizie inerenti a ciò leggendo questo articolo.

Una buona notizia è in arrivo nel 2023 per tutti coloro che utilizzano il pellet. Ma andiamo a scoprire insieme tutte le notizie che abbiamo riguardo a questa notizia.

Pellet: ecco il nuovo taglio a partire dal 2023
Pellet: ecco il nuovo taglio a partire dal 2023 – Topday

Buone notizie per tutti coloro che hanno scelto per scaldarsi le stufe in pellet. E tutto sembra partire con il nuovo anno. Per chi ha scelto di investire su questo tipo di riscaldamento sono in arrivo delle buone notizie, come abbiamo già detto. Infatti, l’iva dovrebbe scendere dal 22% al 10%. E questa misura sembra essere sostenuta da tutte le forze politiche ed è stata anche presentata alla legge di Bilancio. Dopo i vari rincari che ci sono stati, finalmente il pellet dovrebbe iniziare a scendere per tutto il primo trimestre del 2023 – quindi da gennaio a marzo dell’anno nuovo. Da quando è iniziata la guerra in Ucraina ci sono stati vari rincari, tra cui il pellet. Ma quanto costa un sacco di pellet?

Pellet: ecco il nuovo taglio a partire dal 2023

L’Associazione italiana energie agroforestali (Aiel) riportava questi prezzi per un sacchetto di 15 chilogrammi, solo pochi mesi fa: Nord-Ovest, da un minimo di 4,94 euro fino a un massimo di 8,05 euro; Nord-Est, da 4,62 euro a 8,88 euro; Centro e al Sud Italia, da un minimo di 5,84 a un massimo di 6,41 euro; Isole, fino a 9,52 euro. Su Internet i vari prezzi del pellet sono duplicati se non triplicati. Ora però con l’inizio del nuovo anno questi prezzi dovrebbero scendere. Ovviamente, il risparmio vero e proprio dovrebbe essere su un acquisto maggiore: basti pensare che si potrebbe addirittura arrivare a risparmiare dai 30 euro ai 45 euro.

Dopo che il prezzo del gas è aumentato, si è pensato anche ad un bonus ad hoc per tutti coloro che volevano comprare la stufa a pellet. Solo l’anno scorso il costo del pellet era di circa 10 euro, ma nell’ultimo periodo a causa della guerra tra Russia e Ucraina, il suo costo è notevolmente aumentato. E ci sono diversi motivi, come ad esempio lo stop al legname che proviene dalla Russia e Bielorussia e l’effetto delle sanzioni economiche a Mosca, che hanno fatto diminuire la materia prima necessaria alla produzione di pellet. Fino ad oggi per riscaldarsi con il pellet, ogni famiglia ha speso il doppio dei soldi per potersi riscaldare, quando hanno investito proprio su queste stufe per poter risparmiare.

Pellet: l’Iva diminuisce

A causa del prezzo elevato del pellet – in ogni caso – sono stati registrati anche dei furti, soprattutto in Trentino Alto Adige e Veneto. Insomma, con il nuovo anno, sembra che però questi elevati costi verranno abbattuti: come abbiamo già detto, infatti, ci sarà una riduzione dell’Iva che passerà così dal 22% al 10%.

Pellet: ecco il nuovo taglio a partire dal 2023
Avete scelto la stufa a pellet? Topday

Ricordiamo ancora una volta che si potrà avere un grande risparmio soprattutto se si comprano più sacchi di pellet. Ecco, quindi, una bella notizia per tutti coloro che hanno scelto questo metodo per riscaldarsi! E voi eravate a conoscenza di ciò?