Re Carlo III: l’incoronazione si blocca? Da non credere

Ancora problemi per la futura data in cui ci sarà l’incoronazione di Re Carlo III. Ecco che cosa sta succedendo

Ancor prima di iniziare, la reggenza di Re Carlo III passerà alla storia come una delle più travagliate del Regno Unito.

(Incoronazione Carlo/Ansa)

Sì perché, a quanto, pare ci sarebbero ancora problemi relativi all’attesissima incoronazione del prossimo Re del Regno Unito. Secondo alcuni ci potrebbero essere possibilità che vedono un blocco. Ma è davvero così? Ecco cosa succede.

L’incoronazione di Re Carlo III si blocca? Ecco cosa succede

Mancano circa sette mesi all’incoronazione del prossimo Re del Regno Unito, Re Carlo III. Secondo alcune indiscrezioni, però, ci sarebbero importanti problemi che potrebbero minare il successo dell’evento nei tempi previsti. Non appena è stata annunciata l’incoronazione, infatti, sono iniziate anche le polemiche riguardo la data prevista.

Il 6 maggio 2023, questa la data prevista per l’incoronazione ufficiale del prossimo Re Carlo III, sarebbe il giorno in cui Archie Harrison, nipote e primogenito del principe Harry e di sua moglie Meghan Markle, compie 4 anni. Si tratta, quindi, di una ricorrenza piuttosto importante che, però, non verrà festeggiata. O almeno non come si vorrebbe, dato che nello stesso giorno è prevista l’incoronazione del Re.

La notizia della coincidenza tra la data dell’incoronazione del Re e il quarto compleanno del piccolo Archie ha provocato reazioni contrastanti, soprattutto tra coloro che amano tantissimo i duchi di Sussex. C’è, infatti, chi promette “battaglia” annunciando che il fatidico 6 maggio 2023 inonderà Twitter di auguri per il piccolo erede, facendo passare in secondo piano, almeno sulle tendenze social, l’incoronazione del Re.

(Incoronazione Carlo/Ansa)

La rabbia è stata montata soprattutto quando si è saputo che una delle date considerate dai reali era quella del 3 giugno 2023, non scelta perché coincideva con l’ultima partita del campionato inglese. Harry, infatti, è il presidente della federazione calcistica britannica, e il suo compito è quello di essere presente a tutte le finali.

Dunque, non mancano (e non mancheranno per i prossimi mesi) le ennesime polemiche per quella che si preannuncia l’incoronazione reale più seguita a livello mediatico. Il 6 maggio 2023, infatti, i social impazziranno e ci sarà molto da vedere, in quanto chi è contrario a questa data ha già annunciato segni di proteste.