Il robot che ‘sfida’ Bolt: chi è Cassie, la straordinaria invenzione a tutta velocità

Dal progresso tecnologico arriva il robot che ‘sfida’ il campione olimpico Usain Bolt: ecco chi è Cassie, la straordinaria e sbalorditiva invenzione a tutta velocità capace di competere con l’ex-velocista giamaicano.

Ben prima degli anni ‘2000 e dell’uso della CGI come pane quotidiano, molti film fantascientifici proponevano scenari futuristici e invenzioni all’avanguardia; al momento non abbiamo ancora auto volanti, ma sfruttiamo ad esempio quotidianamente l’impronta digitale per sbloccare lo smartphone oppure il riconoscimento facciale.

(foto: YouTube Oregon State university).

La tecnologia sta facendo, senza dubbio, passi da giganti anno dopo anno e sempre più mansioni sono state ‘meccanicizzate’ attraverso l’uso di determinate apparecchiature; quello che non avevamo ancora visto però era un robot capace di sfidare i campioni olimpici.

Dalla mente e dalle abilità di alcuni ingegneri è nato infatti Cassie, il robot capace di tenere testa addirittura ad un velocista leggendario come Usain Bolt, primatista coi suoi tempi in diverse categorie. Tutti i dettagli su questa sbalorditiva invenzione che va a tutta velocità, da restare senza parole.

Il robot che ‘sfida’ Bolt: ecco le informazioni su Cassie

Cassie è il frutto del lavoro di alcuni specialisti dell’azienda Agility Robotics, della università statunitense Oregon State University; questo particolare robot bipede è addirittura entrato nel Guinness dei primati per aver battuto il record di corsa sulla distanza dei 100 metri nella categoria robot (QUI per il video).

Un velocista esemplare il robot, capace di dare risultati molto più che sorprendenti; certo, i tempi registrati da Usain Bolt, l’uomo più veloce del mondo, sono di molto inferiori (9,58 secondi, contro i 24,73 secondi del robot) ma di certo il traguardo è notevole per chi non ha due gambe, ma due supporti meccanici a sostenerlo.

(foto: YouTube Oregon State university).

L’andamento e la struttura fisica del robot, come sottolinea Focus, non ricordano comunque l’essere umano, bensì un animale come lo struzzo; durante il percorso dei 100 m Cassie è riuscita a correre senza inciampare, mostrando comunque fluidità nei movimenti (anche questi simili a quelli dello struzzo)

Questo robot non è di certo nuovo a record e a risultati sorprendenti; già un anno fa, nel 2021, Cassie è stata in grado di percorrere in corsa ben 5 km, in un tempo totale di 53 minuti. Il dato sorprendente, in questo caso, è stato la capacità del robot di controllare l’andatura di corsa all’aperto tramite l‘apprendimento automatico (machine learning); un risultato che ha reso orgogliosi i suoi sviluppatori. Quali saranno i prossimi record di questo sorprendente robot che va a tutta velocità?