Preservativi gratis ed educazione sessuale a scuola: inizia la rivoluzione

E’ in atto una piccola ma grande rivoluzione. A partire dal 2023 preservativi gratis per tutti i giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni.

Lo scopo è prevenire la trasmissione di malattie come l’AIDS di cui si è smesso di parlare ma che è ancora molto presente. Inoltre potrebbe presto essere inserita educazione sessuale come materia scolastica.

Preservativi gratis per i giovani
Da gennaio preservativi gratis nelle farmacie (foto web) Topday

Tutto questo però accadrà non in Italia ma nella vicina Francia che di rivoluzioni se ne intende forse un po’ di più. Lo ha annunciato il presidente Emmanuel Macron durante un incontro dedicato proprio al mondo dei giovani: “In farmacia il preservativo sarà gratuito per la fascia 18-25 anni. Iniziamo il primo gennaio. Si tratta di una piccola rivoluzione per la prevenzione”– ha affermato Macron. Già da anni in Francia è possibile avere preservativi gratis – rimborsabili dalla previdenza sociale- ma solo previa prescrizione di un medico o di un’ostetrica. Dal prossimo gennaio, invece, qualunque ragazzo o ragazza della fascia 18-25 potrà avere una scatola di profilattici gratis semplicemente recandosi in una qualunque farmacia.

Sessualità e scuola

Macron preservativi gratis in Francia
Il presidente Emmanuel Macron (foto web) Topday

Ma non è finita qui.  Il presidente francese ha ribadito l’importanza di fare educazione sessuale anche a scuola: “La realtà è molto lontana dalla teoria. Dobbiamo riformare molto meglio i nostri insegnanti su questo argomento, dobbiamo sensibilizzare. C’è   un enorme lavoro di informazione da fare. Dobbiamo riportarlo a scuola, dobbiamo intervenire e faremo questo investimento”– ha concluso Macron. In Italia, per il momento, non si parla ancora di nulla di simile benché sia ormai noto a tutti quanto sia importante fare sesso protetto e la fascia più a rischio resta sempre quella dei giovani e giovanissimi che, un po’ per vergogna ad andare ad acquistare  e un po’ per mancanza di denaro, spesso ha rapporti non protetti e, dunque, a rischio. Si spera che questa iniziativa “contagi” anche altri paesi e che stimoli i ragazzi e le ragazze a fare maggiore attenzione e a non sottovalutare i rischi che si corrono facendo sesso non protetto. Senza contare che grazie alla prevenzione si potrebbero evitare numerose gravidanze non volute e, di conseguenza, numerose interruzioni di gravidanza.

Fonte: Repubblica, Fanpage

Impostazioni privacy