Tragedia al “Curvone” della Tiburtina: morto centauro di 34 anni

L’incidente, avvenuto ieri sulla Tiburtina Valeria, è costato la vita a Francesco Lenoci, 34 anni. Secondo i testimoni oculari, l’impatto è stato violentissimo.

Il tratto della Tiburtina Valeria noto anche con il nome di ‘Curvone’, che collega Pietrasecca a Carsoli, è stato teatro di un terribile incidente, nel quale il 34enne Francesco Lenoci ha perso la vita.

Incidente Tiburtina
Francesco Lenoci aveva 34 anni (topday.it)

Il giovane centauro, appassionato di moto, era originario di Canosa di Puglia ma risiedeva a Roma, in via Accumoli. Lenoci era a bordo della sua moto, una Kawasaki, quando intorno alle 15 del pomeriggio di ieri, 3 Gennaio 2023, si è schiantato contro il guard-rail.

Un automobilista di passaggio si è fermato per dare soccorso e ha chiamato tempestivamente i soccorsi. I medici e gli infermieri del 118 hanno cercato di salvare la vita al 34enne, ma nemmeno l’uso del defibrillatore è riuscito a riportarlo in vita: era già morto all’impatto.

La moto, dato il fortissimo scontro, è schizzata dall’altra parte della carreggiata, sulla direzione opposta al senso di marcia. Quella che si è spiegata davanti agli occhi dei soccorritori, impotenti, è stata una scena straziante.

Ennesimo incidente sulla Tiburtina

Sul posto sono giunti anche i Vigili del Fuoco di Avezzano e due pattuglie di Carabinieri della Compagnia di Tagliacozzo, per effettuare i primi rilievi sulle dinamiche dell’incidente e gestire la viabilità sulla Tiburtina, una delle strade più trafficate della regione.

Incidente Tiburtina
Francesco Lenoci a bordo della sua Kawasaki, con la quale si è schiantato ieri (topday.it)

Francesco Lenoci era pugliese ma si era trasferito a Roma da tempo; aveva anche iniziato a frequentare una ragazza. Faceva parte dei Motociclisti Regione Lazio, con i quali spesso percorreva la stessa strada per alcune gite fuori porta in Abruzzo. La salma è stata portata all’obitorio di Avezzano.

Le dinamiche dell’incidente non sono ancora chiare, ma si crede che il centauro abbia perso il controllo della moto a causa dell’asfalto bagnato. Purtroppo non è il primo incidente a mietere vittime sul Curvone di Pietrasecca. Anche un utente social ha sottolineato il fatto, dopo aver appreso del recente incidente:

“Ancora un incidente mortale su quel tratto della Tiburtina Valeria: quel Curvone di Pietrasecca ha fatto un’altra vittima. Il tratto è pericoloso e diverse moto sono rimaste coinvolte e alcuni giovani hanno perso la vita. Fate qualcosa“, lancia così un appello alle autorità competenti, per far sì che tragedia del genere non accadano più.