Reddito di cittadinanza addio: ecco cosa succederà

Addio per sempre al Reddito di cittadinanza? Da non credere, ecco a chi verrà revocato e chi invece potrà fare sonni tranquilli. Scopriamo insieme tutti i dettagli sulla questione.

A breve in molti dovranno dire addio al Reddito di cittadinanza. Ma purtroppo le brutte notizie non sono finite qui, infatti, recentemente il Decreto Legge 76 del 2020 ha introdotto nella Legge 24 una nuova riforma molto importante. Se quindi avete presentato delle dichiarazioni false o errate potreste subire la revoca del beneficio. Ma andiamo a scoprire tutti i dettagli sulla questione.

Reddito cittadinanza abolito
Revoca del reddito di cittadinanza: ecco a chi spetta

La legge tiene particolarmente al rapporto tra Amministrazione e cittadini, questo deve essere trasparente e corretto. Inoltre, grazie ad una recentissima modifica normativa alla Legge 24190, è stata creata un altra importante norma. Queste richieste che i rapporti tra cittadini e Amministrazione vengano rispettati sul principio di collaborazione e buona fede.

Entrambi devono comportarsi, reciprocamente, in maniera corretta. Come rivela proiezionidiborsa la giurisprudenza ha spiegato cosa accade quando viene mancare chiarezza e trasparenza nelle trattative precontrattuali.

Nel dettaglio, ora la Cassazione ha riconosciuta la responsabilità totale ad un agente immobiliare che non aveva informato il proprio cliente sulle condizioni di non abitabilità dell’immobile che stava per comprare.

Ora si rischia anche la revoca del reddito di cittadinanza per chi ha fornito all’Amministrazione dei dati falsi oppure reticenti. Ma andiamo a scoprire insieme tutti i dettagli sulla questione.

Revoca del reddito di cittadinanza: ecco a chi spetta

In questi giorni uno dei tempi più discussi è sicuramente quello del reddito di cittadinanza. Con l’entrata al potere del premier Giorgia Meloni in molti potrebbero dover rinunciare a tale agevolazione. Ma cosa sta accadde? In molti rischiano la revoca per aver fornito all’Amministrazione dati falsi oppure reticenti-

Ad esempio, la giurisprudenza considera fondamentali i dati sulle modifiche della situazione reddituale. Motivo per cui, recentemente la Cassazione ha tolto il reddito di cittadinanza ad un uomo che non aveva comunicato all’INPS una modifica della sua situazione reddituale. Per i giudici questo è un comportamento che oltre a portare la revoca del beneficio, può anche comportare alcuni reati.

Reddito cittadinanza abolito
Reddito cittadinanza: viene abolito? Ecco cosa sta accadendo

Ma non è finita qui, ora la Corte di Cassazione ha rimosso il reddito di cittadinanza anche ad una donna che aveva fornito indicazioni false o reticenti sulla sua situazione personale. Infatti, la signora non aveva comunicato all’INPS che nel suo nucleo familiare fosse presente anche il marito. Il quale risultava separato solo di fatto.

Come avrete capito fornire informazioni false o rimanere in silenzio potrebbe costare caro. Ricordiamo che la truffa a danno dello Stato sanzionata dal codice penale. Motivo per cui è necessario prestare parecchia attenzione a ciò che si fa. Voi cosa ne pensate=