Ivan Orfei, aggredito da una tigre: “È una femmina, mi ha fatto una scenata di gelosia”

Nemmeno essere stato aggredito da una tigre, ferma il giovane domatore Ivan Orfei. Il 31enne dal letto di ospedale in cui è ricoverato, spiega come sono andate davvero le cose.

Ivan Orfei, a soli 31 anni, è già un domatore di tigri di fama internazionale. Un “piccolo” incidente avvenuto di recente lo ha costretto a fermarsi per un po’. Il ragazzo ci tiene a puntualizzare che la tigre non voleva fargli del male e non è stata abbattuta.

Ivan Orfei aggredito da una tigre
Il domatore Ivan Orfei/ Topday

 

Il 31enne, lo scorso 29 dicembre, durante uno spettacolo a Surbo – in provincia di Lecce – è stato aggredito da una tigre di 8 anni. L’uomo è ancora costretto nel letto dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce ma ai giornalisti afferma che non vede l’ora di tornare al suo lavoro. La tigre lo ha morso al polpaccio e l’uomo, immediatamente soccorso, è stato portato in ospedale dove ora è sotto terapia antibiotica. Ma nemmeno un incidente potenzialmente mortale ferma l’erede della famiglia Orfei. Il 31enne spiega che non vede l’ora di tornare in gabbia con le sue tigri: “Non vedo l’ora di rimettermi in pista. È stata una semplice litigata di gelosia con lei che è una femminuccia. Sono sicuro di una cosa: se lei avesse voluto farmi del male, lo avrebbe fatto sicuramente. Di questo ne sono certo. Una volta preso il polpaccio avrebbe potuto continuare benissimo, invece, non lo ha fatto“.

Ivan risponde agli haters

Ivan Orfei aggredito da una tigre
Ivan Orfei durante uno spettacolo/ Topday

 

Nonostante i tanti messaggi di solidarietà, non sono mancati anche auguri di morte da parte degli haters che sui social si sono scatenati. In particolar modo dalla frangia degli animalisti più estremisti sono arrivati messaggi davvero duri rivolti al giovane e alla sua famiglia. Ma Ivan non si scompone e risponde: “A quelli che mi hanno augurato la morte, che ritengo persone stupide, neanche rispondo. Non capisco tutta questa cattiveria. Ai tanti che pensano che l’animale sia stato abbattuto, posso assicurare che non è cosi. Noi stiamo facendo gli spettacoli tutti i giorni. Anche la tigre che, diciamo, mi ha aggredito, si fa vedere per dare un segnale al pubblico che sta con noi e sta benissimo“– ha concluso il domatore che ci ha tenuto, in particolar modo a sottolineare, che all’interno del circo Orfei gli animali non sono mai stati maltrattati.

Fonte: Messaggero, Fanpage